Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Le stragi di guerra come fratture
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • blue style
  • green style
Saturday 20 Oct 2018
You are here: Home Iniziative Le stragi di guerra come fratture
Le stragi di guerra come fratture PDF Print E-mail

 

 

Ha scritto Marcello Flores: La guerra è il contesto ideale per commettere violenze di ogni tipo. Può sembra-
re paradossale parlare della guerra – che è violenza assoluta – come contesto di violenze ancora peggiori.
Le stragi perpetrate a danno dei civili creano fratture profonde sia negli uomini che nelle comunità. Il dolore,
la voglia di dimenticare e spesso la rassegnazione hanno il sopravvento, ma i fatti e i ricordi rimangono inde-
lebili nelle persone e nelle comunità per molto tempo.

Il progetto vuole andare oltre affermazioni superficiali legate all’orrore, alla brutalità o alla fatalità della
guerra e cercare di comprendere non solo come questi eventi siano potuti accadere ma focalizzare il cambia-
mento interiore delle persone coinvolte, siano essi civili, tedeschi e partigiani che delle comunità. Il progetto
è incentrato sulle difficoltà della memoria delle singole persone, delle comunità, della ricostruzione storia,
dell’aspetto legale e della declinazione artistica.

Regione Emilia Romagna

Provincia di Bologna

Comune di Monte San Pietro

Comune di Monzuno

Associazione Linea Gotica - Officina della memoria

Associazione la rana dalla bocca larga - Cinerana

Associazione La Conserva

Isrebo (Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea nella Provincia di Bologna)

13 novembre 2010

Auditorium di Calderino di Monte San Pietro (BO) ore 15

Seminario:

Le stragi di guerra come fratture: diverse prospettive di lettura.


Interverranno:

Fabio Dei (prof. di Antropologia culturale all’Università di Pisa)

Paolo Pezzino (prof. di Storia contemporanea all’Università di Pisa)

Giorgio Diritti (regista del film “L’uomo che verrà - Il vento fa il suo giro)

Andrea Speranzoni (avvocato, difensore di parte civile nei processi sulle stragi di Marzabotto, Casalecchio di Reno e Monchio)

Adriano Zamperini (prof. di Psicologia sociale all’Università di Padova)

Modera: Giusi Marcante (redattrice di Radio Città del Capo - Bologna)


 

Se vuoi scaricare o semplicemente vedere gli interventi del convegno vai:

parte 1    parte 2    parte 3    parte 4    parte 5    parte 6    parte 7    parte 8    parte 9    parte 10    parte 11    

 A presto pubblicheremo anche gli atti del convegno. 

 


 

 


14 novembre 2010

Monzuno

Escursione con diorama vivente:

17 ottobre 1944: le voci dopo la strage

Ritrovo a Vado (Monzuno) ore 9,30 e trasferimento con mezzi propri a Monterumici.

Ore 13 termine escursione e trasferimento a Brento.

Stand gastronomico presso Circolo di Monte Adone.

Prenotazioni: 338 5438966 - 338 1917149

A seguire conferenza “Gli effetti del passaggio del fronte”

tenuta da Giancarlo Rivelli, introduce Gabriele Ronchetti.

 

seguici su Facebook

 

Menu utente

Verge Facebook Like Button

Fotografie

Facebook Login

JoomlaFacebook isn't installed.

Copyright © 2018 www.laconserva.it
Circolo ARCI - Associazione culturale La Conserva Via Lavino 89/d 40050 Calderino di Monte San Pietro (BO) c.f 91240950377